OIKOLOGIA

Con la Laudato si', un confronto sulla "casa della vita"

Percorso formativo sui temi dell'enclica di papa Francesco

» Approfondisci

MA IO VI DICO. QUANDO LA FEDE "ROMPE"

Giornate di spiritualità e cultura

» Approfondisci


SABATO 26 NOVEMBRE 2016, h 21:00
Quale sarà il segno della tua venuta?
Veglia d'inizio del nuovo anno liturgico
Novara, Chiesa di San Nazzaro della Costa
» Mostra mappa
Veglia di preghiera

DESCRIZIONE

PRESENTAZIONE

CAPODANNO LITURGICO 2016
Veglia a San Nazzaro, tra memoria del passato e speranza nella fede

Programma
21.00 Veglia di preghiera
21.30 Santa messa prefestiva
22.30 Rinfresco presso l'attiguo convento

DOCUMENTAZIONE | DOWNLOAD
Quale sarà il segno della tua venuta? 26 Novembre 2016
Veglia d'inizio del nuovo anno liturgico
Celebrazione liturgica di

CAPODANNO LITURGICO 2016
Veglia a San Nazzaro, tra memoria del passato e speranza nella fede

«Quale sarà il segno della tua venuta?». È l’interrogativo che sabato 26 novembre, alle ore 21, accompagna i fedeli, riuniti presso la chiesa dei Frati Cappuccini di San Nazzaro della Costa a Novara, nella veglia di preghiera che saluterà l’inizio del nuovo anno liturgico. L’iniziativa, proposta dalle parrocchie di Santa Maria della Salute alla Bicocca e di San Giuseppe insieme con l’Ordine Francescano Secolare e l’Associazione Culturale Diocesana La Nuova Regaldi, conduce i partecipanti a rievocare l’anno trascorso nei suoi eventi più simbolici: La guerra per la liberazione di Mosul e la persecuzione dei cristiani dell’Iraq, l’apertura del 500° anniversario della Riforma protestante, il terremoto che ha sconvolto le regioni del centro Italia, la recente nomina a cardinale del vescovo emerito mons. Renato Corti sono rievocati da video con le voci e i volti dei protagonisti, alternati alla lettura di brani del Vangelo secondo Matteo, alla ricerca di risposte alla luce della fede. Segue alle 21.30 la Santa Messa prefestiva, e infine un sobrio rinfresco presso l’attiguo convento, per accogliere con gioia e speranza il nuovo anno di grazia che Dio offre alla sua Chiesa e all’umanità intera.


» Vai ai contenuti