PRENDI E LEGGI!

La Bibbia nel cuore della cultura occidentale

Cicli di lettura della Bibbia

» Approfondisci

MARANA THA. APOCALISSE, IL MISTERO RIVELATO

Giornate di spiritualità e cultura

» Approfondisci


SABATO 21 FEBBRAIO 2015, h 17:00
X, Y..., Z?
Cromosomi del Gender, tra natura e cultura
Novara, Sala Maddalena - Palazzo dei Vescovi
» Mostra mappa
Conferenza
Con: Luciano Eusebi, Docente di Diritto penale ed esperto di questioni di Bioetica - Università Cattolica, Milano
A cura di: Associazione Culturale Diocesana La Nuova Regaldi

DESCRIZIONE

CRONACA

GENDER, NO A CONTRAPPOSIZIONI IDEOLOGICHE E CONFESSIONALI
Luciano Eusebi a Novara per le “Questioni di Principio”

«Con la teoria del “Gender” non lo scontro ideologico, ma un dialogo rispettoso e sereno». È l’invito che Luciano Eusebi, docente di Diritto penale all’Università Cattolica ed esperto di questioni di bioetica, ha rivolto al pubblico presente a Novara nella sala Maddalena del Palazzo dei Vescovi, sabato 21 febbraio, all’incontro “X, Y… Z? Cromosomi del Gender tra natura e cultura” introdotto e condotto da don Pierdavide Guenzi nel ciclo di conferenze “Questioni di Principio. Domande e riflessioni sull’inizio” proposte dall’Associazione Culturale Diocesana La Nuova Regaldi e Comitato per Passio in collaborazione con il Comune di Novara e la Fondazione Teatro Coccia. «I toni allarmistici e polemici di alcune militanze cattoliche un po’ troppo identitarie rischiano l’effetto boomerang – ha aggiunto Eusebi –, rinforzando l’opinione che gli interrogativi etici sulla sessualità umana siano soltanto frutto di “impuntature” religiose, e perciò privi di interesse per la società laica». Ma le conseguenze educative e le implicazioni giuridiche della nuova visione della sessualità, che si sta diffondendo nelle scuole come standard educativo – ha spiegato Eusebi –, «pongono interrogativi che riguardano tutti, resi sempre più pressanti dalle possibilità offerte dalle nuove tecniche mediche, grazie alle quali la generazione può divenire un semplice incontro tra i gameti, che prescinde dalle relazioni personali tra i loro donatori». Occorre perciò domandarsi se le modalità di dare e accogliere la vita che la natura ha inscritto nel corpo maschile e femminile e nel loro incontro siano puramente casuali o racchiudano un significato essenziale per l’interpretazione dell’umano. E chiedersi, di conseguenza, se l’orientamento sessuale sia frutto di una pura scelta soggettiva – come vorrebbero le frange estreme della teoria del Gender – o di un graduale processo di autoconoscenza che procede dall’accoglienza e valorizzazione del dato biologico corporeo. «Si tratta di interrogativi di natura etica, sui quali si fonda la laicità dell’ordinamento democratico – ha affermato Eusebi – e  che dovrebbero creare coesione e collaborazione nella ricerca di ciò che rende degno essere uomini, piuttosto che contrappore le parti sociali nel rivendicare il proprio credo». Così il vero problema del disegno di legge Scalfarotto in esame al Senato non è se il parroco a messa potrà parlare di famiglia senza temere l’intervento del giudice o se gli insegnanti potranno obiettare alla richiesta di insegnare modelli di sessualità contrari alle loro convinzioni, ma il fatto che – in nome di una giusta lotta contro l’omofobia – «l’orientamento sessuale potrebbe diventare anch’esso, come razza, religione e sesso, un elemento rispetto al quale siano inammissibili differenze di diritti tra persone». Ma questo aprirebbe una strada per rivendicare l’ammissibilità del matrimonio tra omosessuali, in nome della lotta alle discriminazioni e aggirando una valutazione attenta e condivisa sulla sua opportunità per il bene collettivo.



PRESENTAZIONE

X, Y… Z? CROMOSOMI DEL GENDER TRA NATURA E CULTURA
Luciano Eusebi alle “Questioni di Principio”

Maschile e femminile sono concetti sorpassati, o categorie tuttora valide per l’interpretazione dell’umano? È uno degli interrogativi cui offre risposte Luciano Eusebi, docente di Diritto penale all’Università Cattolica ed esperto di questioni di bioetica, sabato 21 febbraio alle ore 17 a Novara nella Sala Maddalena del Palazzo dei Vescovi (via Puccini 11) all’incontro X, Y… Z? Cromosomi del Gender tra natura e cultura condotto da don Piedavide Guenzi e proposto dall’Associazione Culturale Diocesana La Nuova Regaldi e dal Comitato per Passio – in collaborazione con Comune di Novara e Fondazione Teatro Coccia – come quarto appuntamento del ciclo di conferenze Questioni di Principio. Domande e riflessioni sull’inizio. Tema dell’incontro è la teoria del Gender, un modello di interpretazione della sessualità umana in rapida diffusione nei contesti educativi e oggetto di polemiche a seguito della presentazione, su iniziativa dell’onorevole Scalfarotto, del disegno di legge Disposizioni in materia di contrasto dell'omofobia e della transfobia, approvato dalla Camera dei deputati e in esame al Senato, che ha diviso l’opinione pubblica tra chi vi ha visto un utile strumento contro le discriminazioni e chi lo considera l’indebita introduzione di un reato di opinione a difesa di un “pensiero unico” imposto per via di legge.